top of page

Materasso troppo rigido: cosa fare



Dormi su un materasso troppo rigido ma non vuoi cambiarlo? Ecco cosa puoi fare


Per molti anni si è creduto fermamente nel materasso ortopedico.

La convinzione che il materasso dovesse essere necessariamente rigido per poter essere "funzionale", è fortunatamente col tempo stata abbandonata.

Con la certificazione del materasso dispositivo medico sanitario, si è finalmente data la giusta importanza non soltanto al grado di sostegno, ma anche a quello di accoglienza che quest'ultimo deve garantire.


Il compito del materasso è quello di favorire a letto il nostro rilassamento muscolare; per permetterlo è necessario che lo scheletro e le articolazioni si trovino sempre in una posizione neutrale, quindi che i nostri segmenti corporei più leggeri siano sostenuti (collo, bacino, ginocchia, caviglie) e che gli altri più pesanti siano accolti (testa, spalla, bacino, polpacci, piedi).


Postura corretta a letto

Il rapporto sostegno/accoglienza del tuo materasso dovrà sempre essere ponderato in base alla tua corporatura. Se quindi, pensi che il tuo materasso sia troppo rigido, dovrai trovare un modo per garantire al tuo corpo maggiore accoglienza.


A differenza del materasso avvallato o deformato però, il materasso troppo rigido può anche non essere necessariamente sostituito.




Una valida alternativa: il topper


Se pensi che il tuo materasso sia troppo rigido ma non vuoi cambiarlo perché magari è ancora in ottime condizioni, puoi pensare di aggiungere in superficie un materassino accessorio che doni al tuo corpo ciò di cui ha realmente bisogno: accoglienza.


Più conosciuti con il termine inglese topper, questi sono dei materassi a tutti gli effetti ma più bassi: la loro altezza varia da un minimo di 3 cm ad un massimo di 12 cm. Più il topper sarà alto e più questo risulterà accogliente. La scelta dell’altezza sarà chiaramente soggettiva.


Da fisioterapista, non posso fare altro che consigliarti un modello in memory foam. Le uniche due accortezze che dovrai avere per il tuo interno in memory sono di non bagnarlo mai né di esporlo direttamente alla luce solare perché altrimenti rischierà di deteriorarsi.



Il sistema di ancoraggio al materasso è piuttosto semplice: si agganciano grazie a delle cinghie situate nei quattro angoli. Se poi tu ed il tuo partner avete optato per due materassi singoli vicini, quale miglior modo per unirli se non quello di applicare in superficie un unico topper matrimoniale? Le cinghie angolari garantiranno una unione dei due materassi singoli evitando di vedere e percepire la linea di separazione centrale.


In genere, i topper possiedono un rivestimento sfoderabile e lavabile in lavatrice o a secco a seconda dei modelli. Beh, se opterai per una soluzione del genere potrai finalmente evitare di lavare i rivestimenti del materasso sottostante perché dovrai limitarti a lavare solo quello del topper superficiale!


Comodo anche in questo senso, vero?


Topper matrimoniale


bottom of page