top of page

Quale cuscino scegliere per ERNIA CERVICALE

Ernia del disco cervicale

L'ernia del disco cervicale rappresenta, insieme a fratture vertebrali, artrosi e spondilolistesi (scivolamento vertebrale), una delle cause più comuni di cervicalgia. In particolare, questa condizione è caratterizzata dalla possibile irradiazione del dolore all'arto superiore: infatti, la fuoriuscita del disco intervertebrale dal suo spazio anatomico (compreso tra due corpi vertebrali), può determinare la compressione della radice di un nervo deputato all'innervazione dell'arto superiore.


L'origine dell’ernia cervicale può essere legata a condizioni post-trauma (il classico colpo di frusta a seguito d’incidente stradale), al sollevamento di carichi eccessivi oppure al mantenimento nel tempo di posture sbagliate.


I sintomi più comuni comprendono: dolore al collo che può irradiarsi ad uno o ad entrambi gli arti superiori, giramenti di testa, senso di vertigine, nausea, cefalee ricorrenti, rigidità della muscolatura del collo e delle spalle.

Aree di innervazione dei nervi cervicali


Premessa


Come tutte le condizioni che causano cervicalgia, l'ernia è caratterizzata da infiammazione. Il processo infiammatorio che si instaura a carico delle strutture articolari coinvolte, determina la comparsa di dolore. Fin quando il processo non si risolve è difficile pensare che il dolore possa essere risolto dall'utilizzo di un semplice cuscino. Tuttavia, scegliere un modello che, lavorando in sinergia col materasso, porti in scarico la colonna può sicuramente aiutare ad alleviare la sintomatologia dolorosa.




Perché il dolore aumenta di notte ed è forte al risveglio?


Il motivo per cui è fondamentale utilizzare un cuscino adeguato in condizioni patologiche è semplice: tutti i disturbi cervicali sono già di per sé accomunati da deficit di vascolarizzazione delle strutture anatomiche della zona: mentre di giorno la pompa muscolare fa il suo dovere e parzialmente limita questo deficit, di notte la storia cambia perché i movimenti sono molto più limitati, diminuisce ulteriormente l’afflusso di sangue ai muscoli, non arrivano le adeguate quantità di ossigeno e nutrienti e non riescono ad essere eliminate le sostanze di scarto pro-infiammatorie. Le articolazioni non riescono a mantenersi lubrificate e in queste condizioni le strutture anatomiche, già di per sé sofferenti, scatenano il dolore e i sintomi cervicali.


Chiaro quindi che in una condizione del genere, peggiorare ulteriormente la situazione con l'utilizzo di un sistema di riposo non adeguato, non è una buona idea.




Cuscino giusto per ernia del disco cervicale


Come prima cosa, devi sapere che il cuscino non lavora da solo: quando sei a letto infatti, la tua postura è determinata dal sistema di riposo sul quale dormi, ovvero da rete, materasso e cuscino insieme.

Premesso che tu già disponga di una rete idonea (per maggiori informazioni leggi il mio articolo "Quando cambiare la rete del tuo letto") e di un materasso adeguato per la tua situazione (trovi consigli utili qui "ERNIA LOMBARE: come dormire") vediamo insieme qual è il cuscino giusto per ernia del disco cervicale.



Sistema di riposo della fisioterapista Patrizia


Forma del cuscino


Prima di parlare di altezza, partiamo dalla forma. La scelta della forma è decisamente soggettiva tuttavia, personalmente reputo che il cuscino classico “a saponetta” sia il più indicato in presenza di ernia del disco.

Il motivo sta nel punto di contatto della testa col cuscino: su un modello di questo genere il contatto avviene maggiormente in prossimità della parte più sporgente del cranio; toccando soprattutto in questa zona, la pressione esercitata sul tratto cervicale sarà notevolmente diminuita. Tutto ciò favorirà il mantenimento di una postura con la colonna completamente in scarico.

Cuscino a saponetta

Come scegliere l'altezza


Per quanto riguarda l'altezza, bisogna fare molta attenzione. Scegliere cuscini troppo alti o troppo bassi potrebbe peggiorare la sintomatologia quindi è necessario trovare il modello giusto per la propria personale situazione. Il cuscino ideale per te è quel modello che ti permette di mantenere la postura corretta quando sei a letto, qualsiasi sia la posizione da te assunta, con capo allineato e muscoli del collo completamente rilassati.


La scelta va fatta in base alla tua corporatura, quindi al tuo peso, alla tua altezza ed all'ampiezza delle tue spalle. Generalmente, pesi maggiori necessitano di cuscini più alti, da 13 o 16 cm; per pesi minori invece, possono andar bene cuscini più bassi da 11, 12 o 13 cm.

Queste però non sono regole fisse perché, come detto in precedenza, durante la scelta del cuscino vanno presi in considerazione anche rete e materasso. Ti consiglio pertanto di provare il cuscino di persona presso un punto vendita e di farlo su un materasso simile a quello che hai a casa.


Non dimenticare: la colonna è anatomicamente costituita da più vertebre, ma funzionalmente si comporta come un'unità funzionale. Qualsiasi squilibrio a livello lombare si ripercuote anche a livello dorsale e cervicale, e viceversa!
Cuscino giusto

Materiali del cuscino


Se l'altezza va studiata in base alla propria corporatura ed al sistema di riposo utilizzato, la scelta dei materiali, come per la forma, è soggettiva; l'importante è che i materiali siano della consistenza giusta per poter mantenere in equilibrio il tuo tratto cervicale.


Di tutte le tipologie presenti sul mercato, personalmente reputo il memory foam la scelta più indicata in caso di ernia del disco cervicale. Rispetto ai vecchi cuscini in lana e cotone o in piuma d'oca, essi sono più confortevoli ma soprattutto non si appiattiscono e garantiscono sempre un corretto allineamento posturale.

Inoltre, a differenza dei materiali naturali, questi hanno anche il vantaggio di essere anallergici, antibatterici ed antiacaro.


I cuscini in memory però non sono tutti uguali.

Innanzitutto il memory può essere più o meno denso quindi più o meno rigido. Ti consiglio modelli non troppo rigidi per la tua problematica. Inoltre lo schiumato può essere a lastra unica oppure forato: ti consiglio di utilizzare cuscini in memory forato perché sono più accoglienti, ergonomici e traspiranti.

Memory forato e a lastra unica

Conclusione


A termine dell'articolo, mi preme precisare ancora una volta che, in presenza di ernia del disco, il cuscino non può determinare la scomparsa del dolore causato dal processo infiammatorio in atto. Il cuscino può piuttosto aiutare ad alleviare la sintomatologia dolorosa, a patto che sia giusto per la tua personale situazione. In particolare, scegli con criterio forma, altezza e materiali del tuo nuovo guanciale così come anche la rete ed il materasso su cui riposi.


La colonna, seppur costituita da più vertebre, si comporta come un'unità funzionale: qualsiasi squilibrio posturale localizzato a livello cervicale si ripercuote inevitabilmente anche sugli altri distretti e viceversa. Per migliorare il tuo riposo notturno quindi, ti consiglio di trovare prima la rete e il materasso giusti per te: una volta trovati, non ti resta che provare su di essi varie tipologie di cuscini in memory foam forato: prova diverse forme e diverse altezze e per ogni prodotto cambia posizione, fin quando non ti rendi conto di aver trovato il guanciale giusto per te, ovvero quel modello che ti permette mantenere il corretto allineamento posturale e i muscoli del collo completamente in scarico.


Se lo desideri, puoi farti un'idea su qual è secondo me il sistema di riposo giusto per te, compilando online il mio test posturale gratuito.

Ti consiglio tuttavia, di recarti sempre in un punto vendita specializzato prima di acquistare il tuo nuovo materasso ed il tuo nuovo cuscino. Provare ogni prodotto di persona è fondamentale per evitare di sbagliare acquisto così come lo è farsi assistere da un competente professionista del settore.



Test della fisioterapista

留言


bottom of page